News

L’Olimpia si inchina al Quistello.

10° Campionato Andata
Serie D Regionale Girone B

OLIMPIA LUMEZZANE vs. Pall. Quistello  64-77

Parziali: 13-24  9-7  19-19  23-27

OLIMPIA: Becchetti 6, Bossini 3, Fugagnoli 10, Duiella 11, Nava 11, Patti n.e., Cartapani, Savesi, Prandelli 10, Tognazzi, Bertoli (C), Rizzolo 13.
All: Cullurà

QUISTELLO: Mauceri 6, Benaglia, Cecchettin 5, Zapata, Mantovani (C) 13, Soliani n.e., Mancin 13, Cuzzani 19, Borghi 6, Cassineiro 15.
All: Gabrielli

Note: uscito per limite di falli Cuzzani; fallo antisportivo a Rizzolo; fallo tecnico a Nava.

Arbitri: Ferrari & Zanotti.

L’Olimpia nella sua storia ha visto poche sconfitte. L’Olimpia nella sua storia ha visto ancora meno sconfitte casalinghe. L’Olimpia Lumezzane, nella sua seppur breve storia, è una squadra vincente. E vincente l’Olimpia deve esserlo anche nella sconfitta di stasera, contro un avversario decisamente superiore a livello fisico, e che in alcuni tratti del match ha mostrato un livello tecnico superiore a qualunque altra squadra affrontata finora.

La presentazione giornalistica della decima giornata di campionato enunciava che dagli incroci delle sfide di ieri sarebbe uscita la vera contendente all’imbattuta Gussola. Bene: Ome, in trasferta, ha schiantato la capolista Tazio Magni; e Quistello ha fatto lo stesso con l’Olimpia. 4 squadre nel giro di 2 punti (in attesa dello scontro diretto tra Casalmaggiore e Bancole). Un Campionato che ha ancora molte cose da dire, e che sarà sicuramente entusiasmante.

All’esterno della Terzi Lana la temperatura è decisamente bassa. A riscaldare il pubblico all’interno ci pensano le Olympic Girls, prima che Becchetti, Duiella, Nava, Prandelli, Rizzolo per Lumezzane e Cecchettin, Capitan Mantovani, Mancin, Cuzzani, Cassineiro per Quistello diano il via libera alla battaglia.

I primi minuti, dopo un attimo di stasi,  vedono una tremenda accelerazione da ambo le parti. Il punteggio si incrementa velocemente perchè il ritmo è altissimo; Mancin viene servito a dovere dai suoi compagni e fa valere spesso i suoi centimetri. Nonostante i molti rimbalzi e le altrettante ripartenze Lumezzanesi, il canestro per i padroni di casa pare stregato. Ci provano tutti, ma solo Duiella e Becchetti (oltre una tripla di Prandelli) riescono a muovere la retina. Quistello sotto canestro è davvero tosta, Nava, Capitan Bertoli e Prandelli devono sopportare e lottare come dei dannati, i colpi duri non vengono lesinati da tutti e due i fronti, ma la maggior parte delle volte sono gli Olimpici a vedersi fischiato il fallo. Per Quistello ci pensano Borghi e Cuzzani a far chiudere il primo quarto sul risultato di 13-24.

Il secondo quarto è uno di quei quarti che non vuoi neanche raccontare più di tanto, se non fosse che piano piano con Fugagnoli l’Olimpia si riavvicina fino al -6 (22-28), ma sulla sirena Cassineiro lancia in aria il classico pallone della disperata fortuna. E il quarto si conclude con l’esultanza di tutta la panchina ospite.  (22-31)

Nel terzo quarto l’Olimpia si rianima: Prandelli, Rizzolo e Nava segnano canestri importanti che fanno risvegliare l’assopito pubblico di casa. Quistello accusa un pò il colpo, ma la precisione al tiro degli uomini di Coach Gabrielli è quasi impeccabile. Appena l’Olimpia prova a riavvicinarsi, il collettivo mantovano risponde con un colpo ancora più duro. Il terzo quarto si chiude con Quistello avanti di 9 punti.
Su una cosa stravince l’Olimpia: i falli. La Fip però non riconosce nessun merito a chi ottiene cotanti numeri ( 25 falli totali per Lumezzane, inclusi un antisportivo e un tecnico  che non meritano neanche di essere chiamati tali, a 15, escluse gomitate, spintoni e manate per Quistello che meritavano, invece, ben altre sanzioni).
“- Forse questo potevo evitarmelo -”

L’ultimo quarto inizia col botto. I giovani Olimpici Savesi e Bossini sono gli autentici protagonisti sul parquet. La loro grinta e la loro spregiudicatezza sono di fronte agli occhi di tutti. Savesi non molla di un centimetro il suo avversario, costringendolo spesso ad errori di confusione, recuperando palloni e ottimi passaggi ai compagni; Bossini, che è quello che ha trovato meno spazio finora, con il suo ingresso non fa rimpiangere le prime linee. Lotta su ogni pallone, prende vagonate di botte, ma che si tramutano in falli per Quistello. In campo si diverte e delizia il pubblico di casa con il suo colpo forte: la tripla. Nei primi minuti l’Olimpia recupera terreno molto più velocemente rispetto alle precedenti situazioni: Rizzolo, Fugagnoli e Nava fanno letteralmente saltare dagli spalti il pubblico; la Terzi Lana è un’autentica bolgia. Dopo essere stata sotto anche di 20 punti, l’Olimpia arriva vicinissima al pareggio.
Quistello però non cede e piazza un contro break che spegne le speranze Olimpiche. Gli ultimi 8 punti di Quistello arrivano dai liberi di Capitan Mantovani e Cassineiro.

Netta sconfitta dell’Olimpia contro una squadra che verrà definita (con pieno merito) dai giornali “la vera contendente al primato finale in classifica”.

Peccato per la prova degli arbitri, tutt’altro che…Immacolata!
“-Questa dovevo decisamente evitarmela!”-

Prossimo appuntamento: Venerdì 11 Dicembre ore 21.30 > San Pio X Mantova vs. OLIMPIA LUMEZZANE @Palalù, via Valle d’Aosta 16/18, Mantova.