News

L’Olimpia ubriaca un Quistello dal gomito troppo alzato.

10° Campionato Ritorno
Serie D Regionale Girone B

Pall. Quistello vs. OLIMPIA LUMEZZANE  51-71

Parziali: 17-21  11-15  11-15  12-21

QUISTELLO: Mauceri 8, Benaglia, Cecchettin 5, Zapata, Maiorino, Mantovani (C) 13, Mancin 9, Cuzzani 6, Borghi 4, Cassinerio 6.
All: Gabrielli
Vice: Gabrielli

OLIMPIA: Becchetti 11, Bossini, Lottatori 8, Fugagnoli 7, Duiella 5, Roversi 5, Nava 6, Patti 9, Savesi, Prandelli 11, Rizzolo (C) 9.
All: Cullurà
Vice: Zaffirio

Note: nessuno uscito per limite di falli; fallo tecnico a Cuzzani e ad entrambe le panchine.

Arbitri: Romele & Fusardi.

 

Se vinci fai la cosa giusta; se vinci in trasferta ti prendi dei meriti in più; se vinci in trasferta e prima di te su quel campo questa stagione sono usciti tutti a testa bassa sei decisamente unica; se sei la prima a vincere su quel campo e lo fai con una grande prova di squadra allora devono alzarsi ed applaudirti, se vinci in trasferta con una grande prova di squadra e ribalti a tuo favore la differenza canestri dell’andata ti meriti davvero di festeggiare a dovere; se vinci così e poi ti consolidi prima in classifica, hai tutto il diritto di tirartela.
E l’Olimpia ha vinto!

“Non vincerete a Quistello!” “Partita rischiosa.” “Impossibile vincere lì” e taaaaaaaaaaac…l’Olimpia ha vinto!

La partita non è una di quelle che vanno raccontate all’imperfetto in maniera semplice e sbrigativa. Quistello vs. Lumezzane meriterebbe “almeno” la prima pagina e servizi dei telegiornali locali. Tutto questo perchè l’Olimpia è stata pressoché perfetta dall’inizio alla fine. Dalla preparazione alla sfida fino alla sirena dell’ultimo quarto.

Becchetti, Fugagnoli, Nava, Prandelli e Capitan Rizzolo sfidano a campo aperto i padroni di casa che con Cecchettin, Capitan Mantovani, Mancin, Cuzzani e Cassinerio cercano di far valere la notevole prestanza fisica sia in termini di centimetri, che di peso, che di commenti, che di gomiti.
Gli Olimpici di Cullurà, come al solito, incassano a volontà e rispondono nel migliore dei modi: facendo canestro e difendendo a dovere su ogni palla, costringendo spesso e volentieri gli uomini di Coach Gabrielli al fallo offensivo o all’infrazione di passi.
Ed è così che con una grande circolazione di palla, attacchi al ferro, uno contro uno e, in caso di necessità, il tiro da tre di Rizzolo, Prandelli e Duiella il quintetto Olimpico conclude il primo quarto sul più quattro (17-21).

Nel secondo quarto le menti Olimpiche si danno il cambio: Becchetti per Fabio “Dimmelo!” Patti, e il risultato non cambia. I canestri si fanno un pò attendere da ambo le parti, ma l’Olimpia è sempre in controllo. Per Quistello è Capitan Mantovani a cercare di tenere attaccati i suoi, Mancin sotto canestro riesce quasi sempre a prendere la palla, mentre bomber Cuzzani è in serata decisamente no, vuoi per errori singoli, vuoi per (mi ripeto) una grande azione difensiva lumezzanese. Roversi e Fugagnoli trovano la mira giusta da lontano e Quistello è ricacciata indietro. Patti, protagonista del secondo quarto è costretto poi ad uscire momentaneamente per riprendersi dopo l’ennesimo colpo ricevuto sul viso. Becchetti però non si è raffreddato in panchina e fa notare la sua mano calda quando indirizza la palla verso il canestro. Coach Gabrielli chiama il time out e Coach Cullurà inserisce i giovani Bossini e Savesi. I due fanno valere alla grande la virilità maschile. In meno di 20 secondi bloccano l’attacco di Quistello costringendo Cassinerio a buttare via una palla intercettata poi da Fugagnoli a lato. Cambio repentino di Bossini per Nava, e applausi per i giovani che non si sono fatti trovare impreparati! Il primo tempo si chiude con l’Olimpia a +8 (28-36).

Nel terzo quarto l’agonismo e il nervosismo salgono. Entrambe le panchine vengono calmate con un fallo tecnico ciascuna. In campo la coppia arbitrale ha il suo ben da fare per mantenere le acque chete. In questo frangente è Quistello ad avere le idee più chiare. Cecchettin piazza un mini break che riavvicina Quistello. Lumezzane sembra arrancare, ma con Prandelli prima e le triple di Lottatori e Patti poi l’Olimpia allarga il suo vantaggio a +11 a fine terzo quarto.

L’ultimo quarto è quello della consacrazione: Rizzolo e Lottatori pronunciano la sentenza per Quistello che tira definitivamente i remi in barca. C’è ancora però la questione “differenza canestri” da sistemare e Becchetti, Duiella e Prandelli la sistemano.

Il +20 finale va davvero oltre ogni pronostico e la classifica delle “Partite Memorabili della storia Olimpica” è in continua mutazione.
La giornata degli scontri diretti d’alta classifica vede (oltre alla nostra vittoria) il successo di Ome su Gussola e di Casalmaggiore su Bancole. Tutte queste cose ci lasciano al primo posto con 4 punti di vantaggio sulla seconda.

Il campionato si ferma per le festività pasquali. Si riprenderà l’1 Aprile con il rush finale per il miglior piazzamento in ottica play off.

Prossimo appuntamento: Venerdì 1 Aprile ore 21.30 @Palestra Terzi Lana, via Ragazzi del 99, Lumezzane (BS) > OLIMPIA LUMEZZANE vs. San Pio X Mantova. INGRESSO GRATUITO.

Buona Pasqua a tutti.